News

Barocco New Basket Lecce - Tecnomedica Adria Bari

Lunedì 25 Novembre 2013 in C maschile

C maschile

Barocco New Basket Lecce - Tecnomedica Adria Bari 61-69
(12-22 16-20 13-12 20-15)

arbitri: Russo e Marseglia
usciti 5 falli: Arnesano e Nisi 

NBL: Marra 42, Annicchiarico, Petracca 1, Nisi 8, Arnesano, Pallara 7, De Giorgi, Miglietta 3, Durante, Torino.
All. Scialpi 
BARI: Favia 2, Carulli 19, Iannone 4, Maietta 4, Angelilli 4, De Meo 2, Albanese 15, Jishiashvili 3, Rubino 4, Bernardi 12.
All. Lo Izzo 

Primi segni di maturarità per i ragazzi di coach Scialpi, che nel match contro la più forte Tecnomedica Adria Bari dimostrano quanto il tempo serva a pagare i suoi dividendi. Certo, l’inizio è sempre lo stesso. La squadra ospite mette subito a segno un break a discapito dei leccesi che puntualmente nel primo quarto di ogni partita sembrano rimasti negli spogliatoi. Questa volta però il divario che si crea durante il primo quarto non è incolmabile, si tratta solo di una decina di punti, per merito della bomba messa a segno da Maglietta e dei 5 punti consecutivi siglati dal classe ’96 Pallara. Marra mette a segno solo 4 punti nel primo parziale, chiudendo poi la partita con 42 punti finali, e questo forse la vera causa di quei dieci punti di scarto a fine primo quarto (12-22). La giovane formazione leccese si siede in panchina per l’intervallo breve tra 1° e 2° quarto e la sfuriata di coach Scialpi fa si che i suoi ragazzi tornino in campo per l’inizio del 2° parziale con un atteggiamento diverso, più aggressivo e meno rinunciatario. La Tecnomedica di coach Lo Izzo prova a scappare con le penetrazioni di Albanese (15 pt.) e i tiri da 3 punti di Carulli (19 pt.) ma Annicchiarico e compagni rimangono aggrappati alla partita perdendo il quarto per 16-20 e andando negli spogliatoi per l’intervallo lungo con il punteggio di 28-42. Il terzo e il quarto quarto però vedono in campo una Barocco New Basket Lecce mai vista, sicuramente la più bella di tutta la stagione. Come vorrebbe sempre coach Scialpi i ragazzi iniziano a difendere più forte e fioccano palle perse per la Tecnomedica che però la NBL non sempre riesce a capitalizzare in attacco. Il terzo quarto si chiude con il punteggio bassissimo di 13-12 in favore della squadra di casa. Il quarto quarto vede come il terzo i leccesi vincenti con un parziale di 20-15 grazie alla difesa a zona dei giovani ragazzi leccesi che fa andare in totale rottura l’attacco dell’Adria Bari colpevole anche di non avere, in tutti i suoi membri, degli eccellenti tiratori dall’arco dei tre punti. Il Lecce ritrova in attacco Nisi (8 pt.), rimasto a sedere per gran parte del tempo della partita a causa di falli,che insieme a Marra porta a segno molti contropiedi che spaventano coach Lo Izzo che a 2:30 dalla fine rimette in campo Albanese, uscito prematuramente per cautela, per paura che il break leccese possa concludersi con l’aggancio finale. La NBL arriva fino a 7 punti di differenza dal Bari ma poi un paio di falli stupidi dei giovani leccesi negli ultimi due minuti rimettono la partita sul binario della Tecnomedica. La partita si chiuderà con il punteggio finale di 61-69.